Riunione RSU del 30 novembre 2011

Il tema era ancora il contratto decentrato 2011. Come sempre, l’amministrazione ha fretta di concludere. La motivazione ufficiale è quella dei pagamenti degli istituti contrattuali, che slitterebbero in avanti, a scapito dei lavoratori, bla bla bla… In realtà si tratta della solita, trita e ritrita pratica del mettere fretta nella speranza che il poco tempo a disposizione impedisca alle varie rappresentanze sindacali di comprendere pienamente le proposte, parlarsi e, eventualmente, organizzarsi. Una prova? Riunione RSU convocata alle 13,00. Alle 13,10 arriva nella casella di posta elettronica delle RSU la nuova bozza contrattuale (quindi noi avremmo discusso sulla vecchia) con fior fior di modifiche mai presentate al tavolo di contrattazione. Insomma, per fortuna alcuni di noi sono tecnologicamente avanzati, così abbiamo discusso della nuova bozza, bocciandola.

Non che avremmo promosso la vecchia, che già non soddisfaceva alcuna nostra richiesta, ma la nuova è pure peggio.

Non scenderò in tecnicismi e chi lo vuole potrà chiedere direttamente a qualcuno di noi di spiegare nel dettaglio, ma la sostanza, più o meno, è la seguente: il periodo è magro e questo lo sappiamo, ai lavoratori sono imposti sempre più sacrifici e lo stipendio diminuisce. A detta dell’amministrazione questo stato di cose è da accettare supinamente, secondo noi no. A nostro parere esiste la possibilità di far leva proprio sulle nuove norme per integrare il fondo destinato alla contrattazione integrativa, e l’amministrazione non ci ha ancora dimostrato il contrario.

Noi sosteniamo, inoltre, che a una situazione di ristrettezze sul fronte economico debba corrispondere una manovra di recupero dei diritti che da qualche tempo andiamo perdendo per strada, a causa delle normative che si susseguono con l’inerzia colpevole di alcuni grandi sindacati ma, anche, con la complicità di alcune amministrazioni che, pur criticando pubblicamente il legislatore, spesso applicano le norme in modo ancora più restrittivo e penalizzante per i lavoratori di quanto le norme stesse non prevedano.

Quella di ieri è stata la classica riunione in cui ci siamo trovati tutti d’accordo, dalle RSU ai rappresentanti di alcuni sindacati presenti alla riunione: CSA, RdB CUB e DICAPP-SULPM. Manca, in sostanza,la Triplice, sulla cui decisione non azzardiamo previsioni, ma sarà mia cura informare i lavoratori tempestivamente delle varie voci che si susseguiranno.

Quello che mi auguro è che nessuno dei presenti alla riunione di ieri (parlo delle OO.SS. e non delle RSU) decida all’ultimo momento di sfilarsi e porre magari una firma condizionata a qualche ridicola clausola aggiuntiva messa in coda al contratto. E’ già successo, e non è mai una cosa bella da vedere. Meglio la chiarezza fin da subito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...