Dispari opportunità

In una recente intervista il Ministro Fornero ha rivendicato il suo interesse, anche istituzionale, per le pari opportunità. Ribadisce, giustamente, essere questo un tema che non riguarda solo le differenze tra uomini e donne, ma anche tra lavoratori pubblici e privati. Aggiunge, poi, che esiste un concetto più ampio e le parrebbe in contrasto con il suo mandato se dicesse che le cose dovrebbero andare diversamente. Tutto questo per caldeggiare l’approvazione di una norma che preveda la parità di licenziamento tra lavoratori pubblici e privati.

Nel caso in cui dovesse leggere queste righe, spero ne approfitterà per prendere in considerazione altre disparità attualmente in corso tra i lavoratori pubblici e quelli privati. Intanto, le regole d’ingresso. Gran parte dei lavoratori pubblici sono tali in quanto vincitori di un concorso pubblico, regola d’ingresso che nel lavoro privato manca. In secondo luogo, si potrebbe pensare di introdurre anche per i lavoratori pubblici la possibilità di cessione di una parte dello stipendio a discrezione del lavoratore, così come accade nel privato. Nel pubblico, infatti, la cessione si trasforma in un prestito, impone il pagamento di un interesse e le regole per l’accesso sono molto più stringenti.

Poi si potrebbe pensare alle fasce orarie di reperibilità durante i periodi di malattia, fasce che una infausta norma ha ampliato a dismisura solo per i dipendenti pubblici, trasformando la malattia in una detenzione coatta.

Al termine di questa necessariamente incompleta carrellata, le consiglierei di prendere in considerazione la possibilità che il trattamento di fine rapporto venga corrisposto negli stessi termini con cui viene corrisposto ai lavoratori privati, anziché costringere i soli pubblici dipendenti ad attendere quasi un anno prima di rivedere quel qualcosa che ricorda solo vagamente il loro ultimo stipendio.

Perché se dobbiamo pareggiare i trattamenti, allora lo facciamo per bene.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...