Problemi di “emme”…

Un sindaco il cui problema prioritario è quello delle cacche dei cani sparse ignobilmente per i parchi cittadini è un sindaco fortunato. Ci sono comuni strozzati dai debiti, invasi dal cemento, nel pieno di bufere giudiziarie oppure minacciati da opere pubbliche diventate private, o ancora in procinto di essere sommersi dalle ceneri di sistemi di smaltimento dei rifiuti considerati ormai reperti archeo-industriali. Se tutto questo non ti sfiora minimamente, allora fai bene ad occuparti dei comportamenti di alcuni cittadini (una ventina, circa, a oggi, quelli certificati) che si rifiutano di raccogliere i bisogni dei loro incolpevoli amici a quattro zampe.

Pare, in ogni caso, che un altro malcostume, evidentemente più incisivo sulla vita della comunità, sia stato preso di mira dall’Amministrazione di Grugliasco: i comportamenti dei cosiddetti “furbetti” (termine ormai inflazionato, il cui uso denota, se mai ce ne fosse bisogno, la scarsa fantasia dei promotori dell’iniziativa), ossia coloro che accedono a prestazioni sociali agevolate attraverso dichiarazioni dei redditi “taroccate”. Interessante diventa, quindi, andare a verificare in che modo ci si è attrezzati per rimediare a queste due piaghe, la seconda delle quali è stata enormemente pubblicizzata, al punto da istituire un indirizzo di posta elettronica a cui inviare segnalazioni, con la garanzia dell’anonimato.

Ebbene, il primo atto amministrativo nella direzione anticipata è la delibera di Giunta n. 146 del 23.07.2012, in cui si evidenziano gli obiettivi specifici dei servizi di polizia locale per l’anno 2012. Non ci addentreremo nella pur appassionante lettura del documento, bensì ci soffermeremo sui due punti di cui stiamo discutendo. La delibera in oggetto stabilisce l’incremento della vigilanza, sia sulle famose cacche dei cani (francesismo utilizzato da alcuni blog e cittadini per identificare il più ampio “decoro urbano”), sia sui controlli fiscali (i “furbetti”). Certo, l’incremento del personale sarebbe di aiuto, e infatti si decide di promuovere un messo a vigile, per dare una mano in più.

La cosa curiosa, al limite dell’inverosimile, è però il modo in cui il comandante della polizia locale, pare abbia tentato di rendere concreti gli obiettivi prefigurati. Tanto per cominciare, l’unica risorsa umana acquisita sarebbe andata a finire a controllare le amate bestioline e i loro padroni. Come se non bastasse, il nucleo dedicato ai controlli fiscali pare sia stato privato dei suoi due unici elementi (evidentemente già esperti della materia); uno di loro sarebbe stato indirizzato al nucleo ecologia, mentre l’altro  (anche lui) a controllare le cacche dei cani. A questo punto, “risorge” il nucleo dei controlli fiscali ma con un “barbatrucco”. Infatti, pare gli abbiano assegnato, su carta, ben quattro persone (non una esperta della materia) per poi attribuirgli così tante mansioni (vigilanza edilizia, accertamenti abitativi, notifiche) da rendere praticamente impossibile dedicarsi alla materia considerata (anche qui, sulla carta) più importante dalla Giunta. Tanto è vero che, se diamo credito alle voci che circolano, ci sarebbero già lamentele formali sull’ l’infelice scelta del comandante (avallata, evidentemente, dai Dirigenti a cui fa capo) sulla destinazione delle risorse umane. Addirittura, si parla di una richiesta nominativa per il rientro nel nucleo accertamenti fiscali di un esperto della materia, incomprensibilmente destinato (nonostante numerosi casi sollevati e brillantemente risolti) alla cura delle manie cinofile. Ma il comandante (e i dirigenti) sembrerebbero irremovibili.

Insomma, i fatti sembrerebbero parlare da soli: o alla Giunta non frega niente dei “furbetti”, o il comandante e i dirigenti non hanno capito bene la volontà della Giunta. Oppure, ancora, si è scoperto che le cacche dei cani rendono più dei “furbetti” colti in flagrante. Ma è tutto da dimostrare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...