Prove da sindaco


E così ieri, tra il silenzio della stampa e il pienone di pubblico, “l’altro pd” ha ufficializzato la candidatura di Salvatore Amarù a sindaco di Grugliasco.
Sarà dunque la riproposizione del duello delle primarie ultime scorse, a tener banco nel centro sinistra grugliaschese in occasione delle ormai prossime elezioni amministrative.
Questa volta, però, il rapporto di forze sembra decisamente ribaltato, a danno del sindaco uscente. A testimoniarlo, il bagno di folla che ha invaso la sala del Consiglio comunale di Grugliasco, ma anche la maschera livida del primo cittadino uscente, per l’occasione rintanato nel suo ufficio, a imitazione di quei funzionari che per meritare prestigio assillano la macchina comunale con la loro sterile presenza.

Certo, chi si aspettava novità intriganti, candidati giovani, magari donne, per contrastare il vecchiume che da troppo tempo soffoca la città, sarà rimasto deluso. D’altro canto, il prestigio e l’esperienza sono sempre tenuti in alta considerazione da una certa classe politica.
Rimane ora da vedere come si muoveranno le restanti forze in campo, prescindendo – non me ne vogliano – dalle neonate realtà civiche decise a correre in solitaria, di cui è difficile ipotizzare l’incidenza nei corsi elettorali.
A questo punto, ci si potrebbe aspettare a buon diritto che la compagine che fa capo a Turigliatto, magari coalizzandosi con quel che rimane della sinistra, decida di puntare non solo sulle competenze ma anche sul carisma del proprio candidato sindaco. D’altronde, lo stesso Turigliatto è il migliore esempio grugliaschese – finora – del personaggio che incarna perfettamente queste due caratteristiche, ragion per cui la sua immagine sarebbe la prima a giovare del buon risultato di un suo delfino.
Insomma, tutto serve a questa parte della sfera politica grugliaschese, tranne un candidato che non spicchi per freschezza, lucidità e capacità organizzative. Per capirci, uno di quelli che “non si parla addosso”.
Sempre che i possibili futuri alleati di Amarù non decidano di giocare la stessa carta del Movimento 5 stelle. Il quale, sicuramente memore (e a ragione) delle esperienze in altre parti della penisola, sembra che abbia deciso di puntare proprio sul candidato ideale: donna, giovane e – pare – competente.
Come ho già avuto occasione di dire in precedenza, loro possono permettersi di prescindere dai trascorsi in consiglio comunale e anche dall’effettivo radicamento sul territorio del singolo candidato. La loro forza risiede soprattutto nel simbolo, nel programma cristallino e nel traino delle esperienze di amministrazioni invise a tutto l’establishment nazionale ma amate dai cittadini.
Per tutti gli altri la strada sembra più impervia. Importante, per loro, sarà quindi attrezzarsi nel miglior modo possibile. Dimostrare.di saper allocare correttamente le risorse a disposizione suggerisce una propensione al buon governo che potrebbe non sfuggire agli elettori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...